12/12/2017| 1660 articoli presenti
 

Un vaso per nascondere la buca
Da tre settimane nessuno ha visto niente
La vergogna in villa in pieno centro

Un vaso per nascondere la buca
Da tre settimane nessuno ha visto niente
La vergogna in villa in pieno centro

VIESTE - Da circa tre settimane un bel vaso di gerani copre una delle numerosissime buche apertesi nella pavimentazione del marciapiede dinanzi la villa comunale, per intenderci, i soliti marmi spaccati.

 

Tutti sappiamo dei buchi di bilancio comunali e dei buchi delle strade cittadine ma la fantasia di qualcuno che ha voluto limitare il pericolo apponendovi un vaso è davvero ammirevole.

 

La città di Vieste è ormai ridotta ad un groviera, buche e voragini si aprono anche senza pioggia (un esempio per tutti via Madonna della Libera) e, la carenza di denaro nelle casse comunali costringe i cittadini a continui dribbling e deviazioni sia in macchina che a piedi.

 

Non è quindi una novità che il corso Fazzini, come il resto della città siano ormai a pezzi.

 

Forse anche in Comune investiranno gli ultimi denari sperando nella fortuna e giocando al Superenalotto?

 

Indubbiamente il problema buche è davvero sconcertante ma la cosa più grave è certamente un??altra.

 

Tutti i giorni siamo abituati a vedere i Vigili Urbani su e giù in coppia (così si tengono compagnia) lungo il corso Fazzini ma possibile che nessuno dei ligi poliziotti abbia mai segnalato il pericolo agli organi preposti?

 

Nessuno? nemmeno i politici di turno che solitamente passeggiano per il corso si sono accorti e lamentati del pericolo a cui potrebbero andare incontro anziani e bambini che abitualmente percorrono quel tratto di marciapiede?

 

Eppure il vaso è posto in bella vista proprio in mezzo al marciapiede ed anche passandoci in macchina si nota subito che quel vaso lì non dovrebbe esserci.

 

Possibile che il controllo del territorio sia delegato alle sole denuncie dei cittadini o di qualche organo di stampa?

 

Transennare pochi metri quadri di marciapiede in attesa di una riparazione non ha costi così elevati ma talvolta ciò che manca è la voglia di fare.

 

Si aspetta la caduta della vecchietta o del bambino e poi si pagano le lesioni al cittadino sventurato e, solo dopo, si ripara la strada, indubbiamente un bel modo di agire e di spendere molti più denari di quelli occorrenti se si facesse una seria opera di prevenzione.

 

Cercare dei capri espiatori nella giunta Spina che alcuni anni fa ha ricoperto di marmi anche vie come la via Pola e la piazza Garibaldi, dove sistematicamente la pavimentazione non reggendo il peso delle auto si spazza, non ha proprio senso visto che le due giunte Nobile non hanno fatto altro che sostituire i marmi rotti con altri nuovi che poco dopo si spaccavano nuovamente.

 

Eppure asfaltare almeno questi tratti di strada costa circa 14 euro a metro quadro!

 

Quanto costano invece al metro quadro le lunghe distese marmoree cittadine e tutte le riparazioni dei pezzi rotti?

 

A seguire alcune immagini della pavimentazione lesionata con e senza vaso