17/01/2021| 1770 articoli presenti
 

Festa Atletico Vieste
Vittoria soffertissima ma tre punti pesanti
Corbo e Compierchio i marcatori

Festa Atletico Vieste
Vittoria soffertissima ma tre punti pesanti
Corbo e Compierchio i marcatori

VIESTE - Il Vieste che non ti aspetti non delude il suo pubblico e batte un'orgoglioso Locorotondo per 2 a 1.

Sulla tribuna del Riccardo Spina, non pienissima a causa del caro biglietti, l'atmosfera era quella giusta, tifo organizzato, fumogeni, cori e bandiere ed il Vieste ha centrato il risulato pieno sebbene per il gioco c'è ancora da lavorare.

Ad aprire le danze era l'argentino Prest che al 19mo davanti a Occhizzi si ritrovava il pallone tra i piedi ma non riusciva a tirare in porta da posizione favorevolissima.

Il Locorotondo non demordeva e dopo appena quattro minuti sciupava col suo numero nove una occasionissima a porta vuota.

I primi 25 minuti della partita scivolavano via con un Locorotondo più deciso e preciso nelle manovre oltre che più rapido e cattivo fino a quando al 27mo un sussulto.

Su calcio d'angolo alla destra del portiere ospite insaccava di testa il numero sei viestano Corbo con una girata imparabile per l'incolpevole Occhizzi.

In tribuna i tifosi in delirio hanno avuto giusto cinque minuti di pausa prima di riprendere ad esultare per una azione davvero pregievole del numero sette viestano Compierchio.

Involatosi sulla fascia destra riusciva a smarcarsi ed a tu per tu col portiere ospite colpiva sul secondo palo portando il Vieste sul 2 a 0.

Due minuti dopo era ancora l'Atletico a sfiorare il terzo goal con Celio che a colpo sicuro sparava sul portiere in uscita, sarebbe stato il colpo del ko finale.

Gli ospiti invece orgogliosi e mai domi continuavano le proprie trame di gioco ed ad apertura ripresa per ben due volte sfioravano il goal a porta vuota approfittando delle solite imperfezioni difensive.

Al sessantesimo il Locorotondo rovinava la festa dei tifosi viestani grazie ad un goal in dubbio fuorigioco del numero quattro murgese Speciale che sorpreneva la difesa viestana ancora una volta impreparata.

Dopo il goal ospite trenta minuti di sofferenza con mister Lopolito costretto a mischiare le carte in tavola.

L'allenatore viestano prima sostituiva con Lizza uno stanco e davvero mediocre Prest, mai un serio inserimento del lento argentino, senza dubbio il peggiore in campo dei viestani, poi viste le sfuriate offensive del Locorotondo sulla propria fascia destra il mister viestano decideva di far riposare il generoso Rotunno con Granatiero.

Rotunno infatti più di una volta non effettuava correttamente il fuori gioco e perdeva troppo facilmente i propri avversari che lo saltavano ripetutamente.

Con grande affanno e non qualche problema finalmente si arrivava al novantesimo.

Il Vieste è apparso senza dubbio ancora giù di forma e nel secondo tempo c'è stato un vero e proprio crollo, non un'azione offensiva degna di questo nome.

Ottime le prestazioni di Comperchio, l'unico capace di bucare la difesa ospite e di Recchia e Corbo che hanno tenuto bene i primi sessanta minuti e poi come tutta la squadra sono calati ma hanno tenuto comunque un rendimento più che sufficiente.

Come detto opaca la prestazione del tanto acclamato argentino Prest che di certo ha deluso tutti con la sua lentezza, imprecisione e soprattutto assoluta mancanza di visione del gioco.

Il numero undici viestano sembra non essersi ancora integrato negli schemi di gioco ma siamo certi che una partita storta potrà solo servigli come motivazione per migliorarsi.

Se il gioco del Vieste non è ancora dei migliori il risultato quest'oggi era quello che contava ed i bianco celesti non hanno tradito i propri tifosi regalando comunque in una bella domenica di ottobre con 25 C° la prima vittoria casalinga della stagione senza contare la vittoria col Terlizzi in campo neutro.

Ecco a seguire alcune immagini della partita e dei tifosi