20/10/2019| 1746 articoli presenti
 

Con i cani di salvataggio spiagge più sicure
E Vieste è all'avanguardia

Con i cani di salvataggio spiagge più sicure
E Vieste è all'avanguardia

VIESTE - Per Asia, uno spledido cucciolo femmina di pastore tedesco che da tre mesi viene addestrata da Giovanni Ciuffreda (nella foto), i prossimi giorni saranno decisivi.
 
Se il suo istruttore (chiamiamolo così anche se deve ancora avere il brevetto)  sta facendo l'impossibile per insegnarle i rudimenti del pronto soccorso in acqua, i risultati di Leonardo Pagano sono davanti agli occhi di tutti.

Anche lui viestano ma a differenza di Giovanni con un curriculum di tutto rispetto per il settore, che gli ha permesso di diventare in poco tempo il responsabile per il Gargano della Sics, la scuola Italiana dei Cani da salvamento che sabato mattina , questa mattina ha presentato il suo programma di lavoro per l'estate sulle nostre spiagge, con l'arrivo di decine di volontari dall'Abruzzo.

"Proteggiamo la vita in un mare sicuro ". E' questo il nome del progetto che è stato attivato tra la Protezione Civile Pegaso di Vieste ed il referente della SICS,  Leonardo PAGANO.

L'obbiettivo è quello di una  presenza costante sulle spiagge di Vieste nei mesi di luglio e agosto di Postazioni Integrate di Sicurezza, con volontari della Pegaso dotati di defibrillatori (in caso di malori cardiaci) e da Unità Cinofile della SICS (Scuola Italiana Cani Salvataggio) dell'Abruzzo. La Sics, fondata 21 anni fa dall'attuale presidente Ferruccio Pilenga,  conta 13 Sezioni in Italia e 400 Unità Cinofile Brevettate.

La sezione abruzzese con a capo Mariangela De Michele dispone di 11 Unità Cinofile altamente specializzate e professionali che si alterneranno a Vieste.

Soccorsi in acqua, supervisione delle attività balneari,  primo soccorso medico direttamente in spiaggia e collegamento radio con i mezzi di soccorso sono le caratteristiche principali del servizio che verrà presentato questa mattina alle 10.30 presso la sede della Lega Navale Italiana al porto.

Rispetto al programma che è stato presentato, gli interventi saranno garantiti  via mare con la Guardia Costiera e  via terra con le ambulanze del 118, i Vigili del Fuoco, il servizio Anti Incendi Boschivi ecc.

Oltre alle postazioni integrate, saranno formate delle pattuglie miste composte da Unità Cinofile, Volontari della Protezione Civile Pegaso e Guardia Costiera/ Ausiliari Guardia Costiera che pattuglieranno il litorale e si occuperanno della sicurezza e della sorveglianza dei bagnanti specialmente nei tratti sprovvisti di stabilimenti balneari.

La sorveglianza del litorale verrà estesa alle spiagge più frequentate, specialmente nelle ore di punta.

E' prevista anche la possibilità da parte della Guardia Costiera di imbarcare le Unità Cinofile sulle motovedette per il pattugliamento della costa.Il progetto ha avuto il disco verde anche dell'Associazione Animalisti Italianidi Vieste, poiché valorizza la figura del cane e dimostra come possa essere utile a tutti.