20/10/2017| 1655 articoli presenti
 

La Bisanum Basket Vieste perde con onore ma vede allontanarsi il treno dei play off

La Bisanum Basket Vieste perde con onore ma vede allontanarsi il treno dei play off

VIESTE - Doveva essere la serata del grande rilancio, ma dopo quaranta minuti sofferti e avvincenti ai ragazzi della Sunshine sono rimaste solo le recriminazioni.

Il clima pre partita è elettrico: è probabilmente l'ultima occasione che la squadra viestana ha di agganciare le posizioni che contano per la promozione.

Anche l'UDAS, corazzata costruita per vincere il campionato, sente molto il match: all'andata gli ofantini annichilirono la Bisanum, ma oggi la partita sarà diversa.

Ecco perchè ci sono quasi un centinaio di tifosi ospiti sugli spalti dell'Omnisport: rumorosi, instancabili, correttissimi non fanno mancare nemmeno per un secondo il loro supporto alla squadra, così come fanno i loro vicini viestani.

Serenità sugli spalti, anche col tifo ospite: il bello del basket.

Costanzucci comincia con Todorov, Devita, Vuovolo, Monacis e Verderame. La gente sugli spalti si augura una partita spettacolare e non viene delusa. Col passare dei secondi ci si accorge che Cerignola non è perfetta nè invulnerabile: tira in maniera approssimativa ma i suoi giocatori hanno tecnica da vendere.

Da parte sua la Bisanum non si lascia intimidire: Vuovolo e Lauriola sembrano capire come si arriva a canestro e Desantis in marcatura sembra il mastino dei Baskerville di holmesiana memoria: ne fa le spese la stella di Cerignola, l'uruguagio Sierra Moreira, che nel primo quarto brilla poco ma tutto sommato (dalla lunetta) tiene in piedi la sua squadra, altrimenti fumosa.

Alla prima sirena il tabellone dice 20-14 per la squadra di casa. Gran bella Bisanum.

Todorov inaugura il secondo quarto con una tripla siderale, ma un paio di rapidissimi canestri del centro ospite Gallo lasciano intendere che Cerignola non ha voglia di mollare così presto.

Il gioco si fa un po' confuso e la Bisanum subisce anche un paio di contropiede comunque evitabili, oltre che un paio di falli tecnici decisamente fantasiosi. Per fortuna Verderame inaugura il suo show: oltre a correre dietro alle palle vaganti, insegna agli aspiranti fuoriclasse come dovrebbe aessere il movimento spalle a canestro dal post basso. Highlander.

Sul finire del tempo però qualcosa si rompe: i tiri cominciano a farsi più forzati e un fallo antisportivo "fantasia" fischiato a Castriotta innervosisce la Bisanum. L'UDAS si rifà sotto, mentre la Sunshine sbaglia qualche canestro di troppo sotto misura: sulla sirena due liberi, regalo degli arbitro, permettono a Cerignola di arrivare a -1 (33-32). Se Cerignola non avesse Sierra Moreira sarebbe per loro notte fonda.

E infatti al rientro in campo Sierra mette la tripla del sorpasso praticamente da casa sua, ammutolendo la parte viestana dell'Omnisport. Ma la Bisanum tiene botta, anche se fatica a trovare con regolarità la via del canestro: Verderame è immenso e anche la difesa fa il suo. Ancora Rocco per gli ospiti tenta l'allungo e dall'altra parte Vieste prende dei buoni tiri ma la palla sembra essere cerignolana stasera: ne fa le spese Vuovolo che fa tutto bene (tiri compreso) assistendo sconsolato a balletti del pallone sul ferro che non portano punti.

Cerignola rischia di andarsene ma Lauriola e Vuovolo la riportano a terra impattando il risultato, ma il sornione play argentino Subielles aspetta la sirena per scagliare una bomba che riporta i suoi a +3. (47-50). Saranno dieci minuti di passione.

Sono dieci minuti di rabbia e sconcerto. Rocco e Sierra portano Cerignola a +7 e da quel momento per la Bisanum è notte fonda: la squadra di casa viene collettivamente investita da un black out totale e non riesce più a metterla dentro: più di sette minuti con il notro punteggio bloccato. Per fortuna anche Cerignola ha finito la benzina e si porta "solo" a +12.

Quando Lauriola con una vigorosa entrata spacca la difesa di Cerignola e va a canestro, il tabellone dice che mancano due minuti alla fine e dodici punti da recuperare. Miracolosamente la Bisanum riesce a portarsi anche a meno tre, ma per non perdere tempo è costretta ala fallo sistematico. Peccato che dalla lunetta Subielles e Sierra Moreira siano spietati. La sirena arriva sul 58-66.

Lo spettacolo c'è stato ma la partita è persa. Quando si perde così non si può parlare di delusione, visto l'impegno e la grinta mostrata dalla Bisanum. Ma il rammarico c'è. Vero che non bisogna guardare in casa altrui, ma sicuramente con un giocatore "normalmente bravo" al posto di Sierra, Cerignola difficilmente avrebbe espugnato Vieste.

Ma i fuoriclasse, si sa, servono a vincere le partite quasi da soli.
Sabato impegno esterno per la Bisanum, attesa a Bari dalla capolista Cestistica. Esito che appare quasi scontato. Oppure bisogna pensare che la Bisanum, libera da ogni pressione legata ad obiettivi da raggiungere, possa giocare in scioltezza e tornare da Bari con un risultato inaspettato?              

Tabellini

Bisanum Viaggi Vieste: Desantis 2; Todorov 9; Devita 3; Vuovolo 13; Lauriola 9; Monacis 4; Verderame 16; Castriotta; Roìa; Pastore.


Solenergy Cerignola: Rocco 10; Riccardi; Rizzi; Mele 2; Visaggio 8; Sciascia; Totaro 1; Subielles 9; Marinelli; Sierra Moreira 36.

17 gennaio 2012