20/10/2017| 1655 articoli presenti
 

Una deliziosa favola di Natale
Un lupacchiotto viestano torna a casa accompagnato dai suoi amici tedeschi

Una deliziosa favola di Natale
Un lupacchiotto viestano torna a casa accompagnato dai suoi amici tedeschi

VIESTE - Sembrerebbe una favola di Walt Disney ma è una storia vera, fatta di passione e amicizia tra due giovani tedeschi e un lupacchiotto viestano. Oddio, anche lui è un oriundo visto che la sua razza è quella di uno Shafferhunde, ovvero pastore tedesco, ma siccome è nato e cresciuto a Vieste i primi mesi di vita possiamo dire che si tratta di un paesano.
 
Luigi, questo il nome dell'ex cucciolo, è stato notato ai bordi della strada che porta alla spiaggia di Merino da Corina Schwekardt e dal suo ragazzo, Ferdinand Neumann, in vacanza a Vieste l'anno scorso.
 
Non pensate però a un caso di abbandono: Luigi era in una cesta assieme ad altri cuccioli,i suoi fratellini per l'appunto, e i suoi genitori.
 
A sorvegliare il tutto un pacifico signore seduto a poca distanza, un viestano che in anni lontani era emigrato in Germania.
 
In breve la situazione si chiarisce presto. L'uomo ha avuto una cucciolata troppo numerosa e non riesce a mantenere tutti; vuole regalare qualcuno dei bebè ma non sa come fare e soprattutto non vuole darli al primo che passa. Preferisce conoscere bene i futuri genitori adottivi del suo cagnolino e in breve fa amicizia con i due ragazzi che, tutti e due insieme, non arrivano alla sua età.
 
In breve l'accordo viene siglato con una stretta di mano e uno scambio di indirizzi e di numeri di telefono.
 
Una volta nel sud della Germania,dalle parti di Stoccarda, Luigi non fa affatto fatica a fare amicizia con i suoi coetanei tedeschi e in breve afferra al volo i comandi in una lingua che non è la sua. "Ma no - protesta affettuosamente Corina - non diamo ordini. Il fatto è che Luigi è così intelligente che a volte non c'è bisogno neanche di parlare . Basta un gesto ..."
 
Incredibile ma vero. Abbiamo visto in azione Luigi sulla spiaggia del Castello alla fine dell'estate e non sembra proprio un cane che abita nel Baden Wuettemberg. Gioca nella sabbia sino a sfinire quattro persone con bambini. Ma se i suoi genitori adottivi vanno in acqua o piccoli si perdono tra le onde potete stare sicuri che lui è a pochi passi. Nota importante: a differenza dei pastori tedeschi veri e propri non abbaia per abitudine ma solo se è strettamente indispensabile.
 
La sua doppia anima viestana e tedesca è un tutt'uno con gli amici di ieri e quelli di oggi.
 
"Ci sembrava giusto riportare luigi dai suoi parenti - dicono a una sola voce Ferdinand e Corina - Così non si dimentica di loro e vive più felice". Tutto qui. Vieste ha dunque due abitanti onorari che non ci pensano un attimo a saltare le vacanze viestane, i giri in spiaggia e anche la Foresta Umbra, pur di tornare dai parenti di Luigi.
 
E per siglare questa nuova parentela ci hanno mandato una cartolina da una spiaggia settembrina sulla costa del Gargano.E l'anno prossimo? "Naturalmente a Vieste" dicono senza esitazione Ferdinand e Corina.
 
Allora "Arrivederci a presto!"
 
26 dicembre 2011