21/09/2021| 1787 articoli presenti
 

Vieste, trovata morta la ragazzina
affogata nel mare e tra le onde
davanti a Marina Piccola

VIESTE – Non ce l'ha fatta. Hanno trovato il suo corpo ormai senza vita tra le onde e anche gli estremi tentativi dei medici non hanno potuto fare nulla.

Si sono concluse così, tragicamente, le ricerche della ragazza viestana di 12 anni dispersa da questa mattina davanti alla spiaggia di Marina Piccola.

Si era tuffata in mare assieme ai fratellini di 8 e 10 anni per un bagno e una nuotata. Per tutti loro la piccola spiaggia davanti alle case e in mezzo al paese, era un'oasi di tranquillità e sicurezza. Ma questa mattina i venti da tramontana e le correnti erano troppo forti.

L'isolotto del Faro, in altri giorni una meta a portata di mano in pochi minuti di nuoto, oggi è diventato irraggiungibili per effetto delle correnti insidiose e delle onde.


La tragedia si è consumata in pochi minuti, a poca distanza dalla riva. I tre fratellini sono stati trascinati via, si sono allontanati troppo e chi era presente ha potuto fare una sola cosa, oltre che cercarli tra le onde sempre troppo alte.

L'allarme è arrivato in pochi minuti alla Capitaneria lì a fianco che ha mobilitato tutto il personale disponibile. Persino il gommone di un privato è stato dirottato tra Punta San Francesco e lisolotto di Sant'Eufemia.

Per tre ore gli elicotteri hanno volato sulla perpendicolare del paese, sopra Marina Piccola e la zona di mare verso la Scialara.


I due fratellini sono stati recuperati in breve tempo da un gommone. Ma i minuti sono passati inesorabilmente e poi le ore.

Alla fine è stata trovata la ragazza. Senza vita.

La famiglia è distrutta. A loro tutta l'umana solidarietà e la vicinanza possibile. Oltre a una preghiera.

Domani sarà la volta delle inchieste, della ricerca delle cause. Magari delle recriminazioni e delle polemiche inutili. Chi lo sa? Persino di divieti di balneazione superflui.

Ora non resta che il silenzio, la commozione e il dolore.