17/08/2018| 1722 articoli presenti
 

Sale la febbre
per Gazzè a Vieste
Carlo e Raffaele Gentile
e il Pizzomunno da tavolo

Sale la febbre 
per Gazzè a Vieste
Carlo e Raffaele Gentile
e il Pizzomunno da tavolo

  VIESTE  -- Siccome la vittoria ha sempre molti padri, la paternità del Pizzomunno portatile andrebbe divisa tra padre e figlio, che da quindici anni lavorano fianco a fianco nel laboratorio di via Cesare Battisti.

  Ma una marcia in più andrebbe forse riservata a Raffaele Gentile, che porta avanti in prima persona l'eredità di lavoro e di creatività del padre, quando ha realizzato il primo esemplare della copia del Pizzomunno.

  Lo spunto, neanche a dirlo, è venuto con la fortunata canzone di Max Gazzè a Sanremo. Così, visto che il nostro paese è diventato famoso a livello nazionale anche per il successo musicale del cantautore e della leggenda viestana che canta l'amore di Pizzomunno e Cristalda, Raffaele Gentile con papà Carla si sono messi di buzzo buono per realizzare una riproduzione della grande roccia da cui parte la Spiaggia del Castello.
  Detto e fatto. Carlo ha da sempre un occhio infallibile nel cogliere spunti e aspetti e dimensioni di un soggetto, Raffaele ci aggiunge la creatività necessaria per lavorare il tufo. Magari proprio quello viestano che è più sassoso della levigata pietra salentina così usata nel laboratorio per realizzare le riproduzioni delle steli della Daunia oltre che, ovviamente, soprammobili e complementi d'arredi.
   Così tra una lampada e una statuetta ha preso forma il primo prototipo e poi sono arrivati gli altri multipli. Il prezzo? Attorno ai 70 euro, poco più o meno a seconda delle dimensioni.
  La novità dell'ultima creazione Made in Vieste è stata apprezzata e sono molti i turisti che chiedono informazioni. Inutile dire che ai viestani espatriati che si portano a casa la statuetta non c'è bisogno di dare spiegazione. Gli occhi lucidi e il batticuore parlano da soli.

14 luglio 2018