23/11/2017| 1659 articoli presenti
 

Vieste, maxisequestro di cannabis
Trovati in una masseria vuota
un quintale e mezzo di marijuana

Vieste, maxisequestro di cannabis
Trovati in una masseria vuota
un quintale e mezzo di marijuana

  VIESTE  --  Questa volta non si è trattato di un solo chilo ma di un quintale e mezzo di marijuana che i carabinieri hanno trovato nascosta in una masseria apparentemente abbandonata. O comunque aperta. Dove si trovava? La comunicazione dei militari è stata laconica, poche parole in tutto che fanno capire che le indagini sono ancora attive.


  "Domenica scorsa - dice una nota dell'Arma - è stato  individuato, nel corso di un rastrellamento, un casolare poco distante dal mare. Si è quindi proceduto alla consueta attività di bonifica e, all’interno, nascosti dietro delle masserizie, i militari hanno trovato un grosso quantitativo di sostanza stupefacente. Sono infatti stati individuati diversi colli imballati, per un peso complessivo di circa 150 kg di marijuana, probabile frutto di qualche sbarco sul litorale".

   Togliamoci pure il "probabile". Il rombo rabbioso di un motoscafo a tutta potenza nel cuore della notte, poco tempo fa, non è passato inossservato; in ogni caso con l'adeguato supporto di forze ben addestrate e ben equipaggiate il risultato delle indagini porta comunque a risultati di rilievo.

  Di qui la soddisfazione dei carabinieri di Vieste che mostrano il mezzo metro cubo di marijuana imballata e pronta per essere smerciata sulla piazza viestana e del Gargano.

  Ora gli stupefacenti sono stati sequestrati. Le indagini sono in corso anche per capire se il vecchio trucco di lasciare materiale che scotta all'aperto o in strutture abbandonate, ma che tutti sanno da chi vengono vigilate, configuri una responsabilità anche per l'eventuale proprietario. Ma da qui ad accertare in maniera indiscutibile il rapporto causa-effetto ce ne corre: gli accertamenti sono in pieno svolgimento.

   17 ottobre 2017