28/07/2017| 1609 articoli presenti
 

Vieste, Raduano
sorvegliato speciale
I CCi lo trovano a casa
e gli notificano
l'ordinanza

Vieste, Raduano
sorvegliato speciale
I CCi lo trovano a casa
e gli notificano 
l'ordinanza

VIESTE -- Dopo sei mesi di latitanza per così dire amministrativa, Marco Raduano, 32 anni, indicato come il boss emergente della mafia garganica, è stato trovato dai carabinieri di Vieste nella sua abitazione.
  Quando ha visto i militari non ha opposto resistenza anche perchè sapeva di rischiare poco e nulla con la firma del foglio disposto dalla magistratura. Da oggi in poi infatti, per effetto del provvedimento che avrebbe dovuto già sottoscrivere quando è uscito dal carcere, Marco Raduano è per la legge italiana un sorvegliato speciale.
  Che cosa comporta tutto questo? Che non potrà uscire di casa dalle 21 alle 7, ad esempio, e quindi resterà al suo domicilio per tutta la notte. E ancora: negli obblighi è previsti che non si allontani dal territorio del Comune di Vieste.
  E se disobbedisce a questi limiti, che per lui sono quasi un solletico con le ambizioni che ha di diventare un boss della mafia garganica? Scatta la flagranza del reato e quindi l'arresto: a quel punto tocca al giudice decidere per gli arresti domiciliari, con obbligo di permanenza in casa, o altro provvedimento.

  Da qualsiasi parte la si guardi l'identificazione di Raduano nella sua abitazione è un punto fermo. Da quando è uscito dal carcere la catena di omicidi si è allungata da entrambe le parti, tra i suo sostenitori e tra quelli di Cindarijdd, con la novità che questa volta gli omicidi hanno eliminato personaggi di spicco delle due fazioni. Senza guardare in faccia a nessuno.

  7 luglio 2017