23/08/2019| 1746 articoli presenti
 

Il maltempo non dà tregua al Gargano
Tutto intorno a Vieste danni ai lidi
Strade allagate e alberi caduti

Il maltempo non dà tregua al Gargano
Tutto intorno a Vieste danni ai lidi
Strade allagate e alberi caduti

  VIESTE – Mannaggia alla depressione. Quella meteo, s'intende, che ha scatenato anche quella dei turisti abituati a un Gargano dove splende il sole anche se nel resto d'Italia piove.

   E invece le piogge intense degli ultimi due giorni, anche se di non lunga durata, hanno inzuppato i sogno di gloria estiva per i visitatori e di buoni affari per il business delle spiagge il fine settimana.

   Ma nel resto d'Italia è andata peggio, molto peggio.

    E così pure nel Gargano, almeno nella parte settentrionale che sino a metà Adriatico ha incassato la tempesta di vento e pioggia con raffiche al di sopra del 100 km all'ora.

  Nella vicina S.Nicandro è stato atterrato uno stabilimento balneare a Torre Mileto dove il vento ha fatto volare via il tetto, le sdraio e gli ombrelloni. Nella stessa zona sulla strada provinciale 48 un albero sradicato ha mandato in tilt la circolazione bloccando una carreggiata.
  Pure nel resto del Promontorio, da settentrione sino alla parte occidentale che va da S.Marco in Lamis e va sino a Mattinata e Manfredonia, sono stati numerosi gli interventi dei vigili del fuoco per alberi caduti e allagamenti.

   Traffico molto difficile, anche sulla strada a scorrimento veloce tra Lesina e Vico. Sempre a S.Marco in Lamis, nei pressi del convento di San Matteo, lungo la statale 272 in direzione Borgo Celano, un albero è caduto su un palo della luce. E dalle vicine abitazioni del centro storico sono volate via le tegole.


14 luglio 2019