21/11/2018| 1737 articoli presenti
 

Le Poste di Vieste in lutto
per la scomparsa della direttrice
Antonella Piemontese

Le Poste di Vieste in lutto
per la scomparsa della direttrice
Antonella Piemontese

 VIESTE  -- E' scomparsa ieri pomeriggio Antonella Piemontese, 58 anni, direttrice delle Poste a Vieste. Da anni combatteva a viso aperto, senza nascondere nulla a sè stessa, ai famigliari e agli amici, contro un male che non le dava tregua.
   Sposata con il medico Filippo Medina, stimato professionista nel mondo della sanità viestana, Antonella Piemontese veniva descritta da tutti come un'infaticabile organizzatrice, sia sul lavoro che nella cerchia di amici, gli stessi che le sono stati a fianco nei cinque anni della malattia e che conosceva da quando era a scuola.

  Quella quinta B uscita dal liceo scientifico di Vieste nel 1979 faceva ancora parlare di sè per la coesione e l'affiatamento che continuava a mantenere quaranta anni dopo il diploma, come si i decenni fossero scivolati via anzichè ammucchiarsi sulle spalle di tutti, come avviene sempre.
  "Ma il merito va ad Antonella, non c'è discussione - dice chi la conosceva bene - Era lei la prima che telefonava, che riuniva, organizzava e promuoveva incontri e ritrovi. Certo, eravamo facilitati di trovarci sempre a Vieste nelle feste comandate e l'estate, anche quelli di noi che non vivono più nel nostro paese. Ma lei era l'anima di tutto, da quanbdo eravamo al liceo. E dire che in quella classe c'erano amici che si conoscevano dalle elementari, altri dalle medie, ed eravamo tutti amalgamati dalla capacità di affrontare gli studi e di stare insieme fuori da scuola con la stessa spensierata voglia di fare".

   Antonella e i suoi amici erano fatti così, tutto l'opposto dei vitelloni che passano il tempo a lamentarsi nello struscio di corso Lorenzo Fazzini. Anzi, anche dopo il diploma non sono mancate le gite: chi c'era era il benvenuto ma arrivava sempre prima la telefonata dell'inossidabile Antonella: "Hai problemi?". Così difficoltà, vita privata, difficoltà sul lavoro, separazioni e trasferimenti in giro per l'Italia, diventavano non argomento di pettegolezzo ma riflessione comune, confidenza e aiuto reciproco.
  Ma alla fine la malattia è riuscita a piegarla e negli ultimi giorni, dopo un ultimo ricovero fuori Vieste, la scelta durissima per la famiglia di farla rientrare nel paese che aveva sempre amato.

  "Veniva prima il suo sorriso e poi si affacciava lei - dicono gli amici commossi - Era persona come ce ne sono poche. Ci sentiamo più soli". Già, la difficoltà ora sarà quella di mantenere vivo il suo ricordo nelle opere e nei giorni così come lei aveva fatto quando era in vita.

   I funerali si terranno oggi pomeriggio alle 16 in Cattedrale.


7 novembre 2018

(Nella foto in basso un immagine di Antonella Piemontese con i compagni di liceo in una gita vicino a Vieste)