14/12/2018| 1737 articoli presenti
 

Terminal corriere trasferito al parcheggio
del Lungomare Europa, la Lega attacca
"Scomodo per i pendolari: petizione"

Terminal corriere trasferito al parcheggio
del Lungomare Europa, la Lega attacca

 VIESTE - Dalla sera alla mattina la stazione delle corriere è stata spostata nel parcheggio a pagamento del Lungomare Europa, di fianco alla spiaghgia di S.Lorenzo. E il primo a protestare, a nome dei pendolari viestani, è l'unico consigliere della Lega di Salvini in consiglio provinciale a Foggia, l'avvocato Joseph Splendido. Così, mentre a Roma ogni ipotesi di governo salta nel braccio di ferro tra il leader del Carroccio assieme a Di Maio e il presidente Mattarella, a Vieste invece la Lega fa campagna su una questione di vivibilità quotidiana.
  "E' un postaccio infame, in mezzo al nulla ed esposto a caldo d'estate e vento freddo d'inferno - sottolinea l'esponente leghista - Adesso raccoglieremo le firme con una petizione per vedere cosa ne pensano i viestani". Abbiamo chiamato il terminal corriere come autostazione giusto per riuspetto nei confronti dei pendolari e delle decine e decine di migliaia di viaggiatori che ogni estate usano le corriere per arrivare a Vieste. Ma i primi a infischiarsene sono in Comune e da anni quella che dovrebbe essere una struttura attrezzata (come altri comuni del Gargano hanno allestito), rimane un punto sull'asfalto con un palo. Panchine? Zero, così come tettoie per ripararsi o depositi bagagli custoditi e soprattutto servizi igienici, oltre che parcheggi-scambio per accompagnare le persone e punto sosta per taxi e vetture a noleggio. 
   Una mancanza molto grave. Non ci sono solo i viaggiatori delle Ferrovie del Gargano e quelli del traffico locale. Da quest'anno arriverà anche Flixbus, la più grande compagnia di viaggi su pullmann d'Euroipa, che scaricherà altri turisti. E poi ancora ci sono  i  tanti turisti che sbarcano dall'aeroporto di Bari e che trovano, caso unico in Italia, una corriera che li porta dalle piste agli albergi della cvosta garganica a 250 km di distanza. E quando arrivano cosa trovano questi viaggiatori? Se va bene un chiosco bar. Tutta da chiarire poi la questione del mercato del lunedì: che faranno i pullmann in mezzo alle bancarelle? Basta fare due conti e si arriva tranquillamente a un traffico di autocorriere tra i 50 e gli 80 al giorno, al netto dei viaggi organizzati. E la risposta pubblica al servizio pubblico che è poi un servizio per turisti e viestani qual'è? Quattro punti d'arrivo spostati in sette anni, sempre lungo la strada. Come settant'anni fa.
Ecco il testo del comunicato della Lega Salvini per la Capitanata:

Le esigenze dei flussi di traffico non possono essere anteposte alla qualità della vita dei cittadini: il Comune di Vieste d’imperio ha deciso di spostare il capolinea degli autobus, sia di linea sia turistici, comprese le navette del trasporto pubblico, nel parcheggio del Lungomare Europa. È una scelta inaccettabile”. È quanto dichiara l’avvocato Joseph Splendido, capogruppo della Lega in Provincia e già candidato capolista alla Camera per la Lega sul provvedimento dell’amministrazione di Vieste, relativo alla modifica dell’infrastrutturazione del trasporto pubblico urbano, che determinerà un profondo mutamento nell’uso del territorio da parte dei residenti e dei lavoratori pendolari. 

Quel tratto di lungomare oltre ad essere assai fuori mano se confrontato col Lungomare Mattei, è anche la zona più ventilata del paese- aggiunge il legale salviniano- inoltre non ci sono navette che collegano il paese al parcheggio. Tutti i viestani che devono prendere un bus al mattino presto, come coloro che viaggiano in direzione San Giovanni Rotondo e partono alle 05:30, saranno costretti a recarsi a piedi o con mezzi propri al lungomare, aggiungendo disagi alla mobilità cittadina”.   

“Sono stato sollecitato dai moltissimi cittadini viestani affinché ci sia un ripensamento sullo spostamento urbanistico del terminal da parte dell’amministrazione - conclude l’avvocato Splendido- la Lega avvierà una petizione pubblica per far ravvedere la Giunta Nobiletti da questa assurda decisione”.