19/04/2021| 1770 articoli presenti
 

Per Max Gazzè
è tutto pronto
per il concerto
a Marina Piccola

Per Max Gazzè
è tutto pronto
per il concerto
a Marina Piccola

VIESTE - Delusione palpabile nonostante stia montando l'attesa per il concerto di Max Gazzè a Marina Piccola. 
L'apertura dei cancelli è prevista per le 19 e ci sono stati fans che hanno già prenotato da tempo anche se il numero di biglietti venduti complessivamente si aggira attorno al migliaio. I tagliandi, in vendita a 16 euro, sono stati distribuiti in tutte le strutture ricettive e in alcune rivendite.
Nonostante l'invito dell'assessore Rosiello, che ha inviato una circolare a tutti gli alberghi e i camping per invitarli a collaborare alla prevendita, gli operatori tirstici sono rimasti molto freddi a parte poche meritorie eccezioni.

Questa sera comunque i biglietti sono regolarmente in vendita all'entrata del concerto a Marina Piccola.

L'inventore dell'iniziativa non nasconde la sua amarezza.
Giuseppe Quagliarella, farmacista di professione ma anche appassionato di musica sino al punto di buttarsi in quest'avventura a capofitto rischiando i suoi capitali, è combattuto tra stanchezza e delusione. "Oggi - dice - cioè lunedì sera, ho venduto appena il 30% dei biglietti".

Il Comune di Vieste dal canto suo mette a disposizione gratuitamente gli spazi e parte dei costi dell??energia elettrica. Tutto qui.
 
??Dopo i risultati non soddisfacenti della prima serata - continua Quagliarella - ho cercato di pubblicizzare il concerto con più energia. Ho raggiunto personalmente  tutte le strutture ricettive, una ad una, per coinvolgerle nella ??kermesse??, cercando di fidelizzare il più possibile, ma ho avuto molta più soddisfazione dalle piccole aziende che dalle grandi. L??Hotel Pizzomunno, per fare un esempio, ha acquistato appena 8 biglietti. 
 
Cosa devo concludere? I viestani non vogliono i concerti e quindi probabilmente salterà la data del 10 Agosto e l??opportunità dei viestani di applaudire Malika Ayane ".

Dal canto loro i sostenitori di Grillo a Vieste prendono la palla balza e usano come una clava la politica della lesina del Comune, del sindaco Nobile e della sua giunta, per tornare a bomba sulla nota questione della tassa di soggiorno, che secondo loro non sarebbe giustificata.

"Con la fine di luglio ormai prossima - scrivono in una loro nota stampa - fa scalpore l??assenza di un tabellone di eventi. Concerti, spettacoli, film, serate con comici, balli: niente! Se il dottor Quagliarella con la sua Vieste20 non avesse deciso di mettere a rischio capitale proprio per organizzare quattro concerti e una serata teatrale, Vieste non avrebbe avuto un solo evento da proporre ai turisti. Eppure l??intrattenimento, come la promozione, dovrebbero essere tra gli argomenti più importanti per una cittadina come la nostra che ha deciso di votarsi totalmente al turismo. 
Sono lontani anni luce i tempi in cui venivano allestiti tabelloni che prevedevano eventi da giugno a settembre inoltrato. Eppure a quei tempi, quelli del compianto Carlo Nobile per intenderci, non c??era l??imposta di soggiorno. A tal proposito, oltre al trasporto pubblico gratuito, come viene giustificata la richiesta di pagamento ai turisti? E come vengono spesi quei soldi? Senza  tralasciare che l??Amministrazione Comunale non ha ancora provveduto a ??sistemare le carte? per legittimare tale richiesta di danaro.

Vieste, da sempre autodefinitasi la cittadina trainante del turismo del Gargano, è l??unico paese costiero a non aver ancora presentato un tabellone di eventi; da giorni, infatti, anche le amministrazioni di Peschici e Vico hanno ufficializzato il proprio, nonostante siano passati meno di due mesi dalle loro elezioni. Far annoiare la gente 
per costringerla a rimanere nelle strutture ad assistere a spettacolini di animatori - spesso improvvisati e sottopagati - non giova all??immagine turistica viestana".