19/04/2021| 1770 articoli presenti
 

Giovanissime fan in delirio per Annalisa
Canzoni sino a notte e file per gli autografi
L'eroina di "Amici" fa il pieno di teen agers

Giovanissime fan in delirio per Annalisa
Canzoni sino a notte e file per gli autografi
L'eroina di

VIESTE - "Lo so che la aspettate da ore. Vi accontento subito!" Così, con la canzone "Scintille",  Annalisa Scarrone ha salutato le   centinaia di fans che l'hanno raggiunta da Vieste e dal Gargano con cartelloni e palloncini.

Un tifo da stadio ha accolto la cantante ligure, 27 anni, beniamini di Amici e che ha superato la prova di Sanremo. Nella platea di Marina Piccola palco, luci e organizzazione hanno fatto la loro parte per offrire agli spettatori uno spettacolo all'altezza delle ambizione dell'organizzazione, ovvero di Vieste20. 
Il "patròn" Giuseppe Quagliarella era tutto sommato contento per il concerto d'esordio, anche se per scaramanzia è rimasto dietro le quinte, senza mai cedere alla tentazione di salire sul palco per prendersi gli applausi di rito che di solito vengono tributati a fine spettacolo agli organizzatori dell'evento.

E ha fatto bene, perchè lo spettacolo è stato tutto dedicato ai giovanissimi, agli spettatori di "Amici" per l'appunto, che seguono Maria De Filippi nelle sue prove.

Chi lo sa se tra le decine di appassionati baby che da metà pomeriggio hanno sfidato sole e caldo ci sarà anche chi affronterà le stesse difficoltà della cantante per approdare ai fasti del piccolo schermo. Impossibile? E chi lo dice? Come una show girl esperta Annalisa ha coccolato i viestani sotto le transenne, ha aperto con uno dei suoi cavalli di battaglia, la storia di Alice, e di seguito ha sciorinato il meglio di un repertorio dove risaltavano le canzoni in cui lei era l'autrice.

Poche pause, dopo un esordio iniziato con i canonici tre quarti d'ora di ritardo: giusto quelle che bastavano per leggere i cartelli dei suoi fans. Dichiarazioni di passione musicale ma soprattutto per il personaggio che rappresenta. "Annalisa, Torino c'è" recitava uno dei più scalmanati, troppo felice di ritrovare nelle vacanze del Gargano l'oggetto del desiderio sulle sette note.

Poco o molto? Per lei che ha alle spalle studi ed esperienze di jazz la serata viestana è stata anche un modo per riprovare sia i motivi più orecchiabili che l'hanno resa famosa al grande pubblico che le sonorità della musica a stelle strisce, senza dimenticare l'incursione, in uno dei tre bis, in uno dei classici delle canzoni d'autore francesi degli anni '60.

E alla fine, dopo mezzanotte, la file di adoranti ragazzine e ragazzini che l'aspettavano per un autografo è stata la conferma della solidità dell'amicizia con il suo pubblico di teen agers.

Quanto all'organizzazione tutto ha girato per il suo verso, dalla distribuzione dei servizi allo staff e ai punti di ristoro. Non sono mancati neanche i gadget per le giovanissime, braccialetti e collanine fluorescenti consegnate all'entrata. Anche uno svenimento attorno alle 23, una ragazzina stremata dai salti e dalle grida, è stata prontamente risolta. Assistenza immediata dell'ambulanza con i sanitari di turno già presenti a Marina Piccola e dopo un controllo e una pastiglia la giovanissima fans è ritornata sotto il palco assieme alle sue amiche.

Unico neo è stato, in una serata suggestiva e benedetta dal clima, l'amplificazione che se era perfetta per le canzoni più intimistiche diventava da stadio quando i vocalizzi e le escursioni canore di Annalisa prendevano il volo.