19/10/2020| 1770 articoli presenti
 

Basket Bisanum, ora si può sognare
I play off dopo la vittoria con Bari
Ora il gioco duro per sei partite

Basket Bisanum, ora si può sognare
I play off dopo la vittoria con Bari
Ora il gioco duro per sei partite

VIESTE - Partita decisiva in chiave play-off per la Bisanum Viaggi Vieste che centra l'obbiettivo che si era data a inizio campionato.
Troppo presto per sognare? Forse, e magari e anche fuori luogo. Però i tifosi della nostra squadra gongolano, festeggiano e ammiccano ai beniamini di casa sognando un salto di categoria impensabile sino a pochi mesi fa.

I giocatori non si montano la testa ma la scalata alla vetta della classifica li inorgoglisce. Ma vediamo i momenti salienti dello scontro con l'Angiulli di Bari.

Ospite all??Omnisport è stata una squadra che precedeva di due punti in classifica i ragazzi di Costanzucci. La sconfitta patita sabato dall??Altamura a San Severo ha reso più semplice il compito della Sunshine: una vittoria con qualsiasi risultato significherebbe sesto posto e ultimo pass per la successiva fase del campionato.

Se poi la vittoria dovesse arrivare con più di sedici punti di scarto Desantis e compagni soffierebbero proprio all??Angiulli (migliore differenza canestri negli scontri diretti) il quinto posto (prestigioso quanto inutile).
Davanti al solito, calorosissimo pubblico, la Bisanum si presenta con due novità e mezza: i nuovi acquisti Manfredi e Giuliani (entrambi di Manfredonia, ma provenienti da Cerignola e Foggia, dove trovavano poco spazio) e il cavallo di ritorno Vuovolo, immediatamente riabbracciato dalla tifoseria viestana, nonostante l??addio complicato dello scorso anno. 

Passo d??addio, invece, per Nikola Despotovic, alla sua ultima apparizione con i garganici: da lui e da Silvestri (accasatosi a Foggia) ci si apettava un apporto sicuramente più consistente nell??arco della stagione.
L??Angiulli Bari, forte della conquista matematica dei play-off non viene certo a Vieste a fare la vittima sacrificale, ma nemmeno a giocare la partita della vita. I primi minuti di gioco ne sono la conferma: un Despotovic in versione stato di grazia (capace di lasciare qualche rimpianto di troppo) e un elegantissimo Todorov, indirizzano immediatamente la partita.
Il coach barese Zotti è costretto a chiamare il primo time out dopo nemmeno 5 minuti sul 17-5 Bisanum (10 punti di Despotovic e 7 di ??Paco?) e il primo quarto fila via liscio come l??olio, con la squadra di casa mai in affanno (24-16).

Nel secondo quarto Despotovic continua a fare numeri mai visti prima e a bucare il canestro con tiri da tre. La partita scorre via gradevolissima con gli attacchi più efficienti delle difese e Vieste sempre avanti: nelle fila degli ospiti Vukovic, Picuno e Pastorello tengono in piedi la baracca, ma i cambi viestani non arretrano di un passo.

Buono il ritorno di Monacis, ottimi e pimpanti gli innesti di Manfredi (play grintosissimo) e Giuliani (determinato e temerario nell??aggredire il canestro). Il solo Vuovolo paga la lunga inattività con una partita timida e senza acuti, ma è rodaggio. La sirena di metà partita inchioda il risultato sul 44-28. Normale amministrazione.

Il terzo e il quarto periodo sono di pura accademia, con il vantaggio viestano che si mantiene costantemente sopra i dieci punti. Il terzo quarto si chiude sul 56-44, mentre l??ultimo periodo è poco più di un allenamento: alla fine il risultato è di 69-55. La Bisanum Viaggi agguanta il sesto posto, l??ultimo utile per i play off: le prossime trasferte saranno a Taranto, Brindisi, Lecce. Comincia tra due settimane la seconda fase del campionato, quella degli scontri incrociati tra girone A (Bari e Foggia) e girone B (resto della Puglia). Alla Bisanum il ruolo della outsider.