20/10/2020| 1770 articoli presenti
 

Qualcuno ha perso un teschio nel 1963?
Uno scomparso di mezzo secolo fa o un altro mistero?

Qualcuno ha perso un teschio nel 1963?
Uno scomparso di mezzo secolo fa o un altro mistero?

FOGGIA - Nel Gargano è scomparso qualcuno nei primi anni '60 e di lui, o di lei, si sono perse le tracce? E' questa una delle ipotesi dei carabinieri di Foggia che si sono trovati di fronte a un mistero, un "cold case" vecchio di mezzo secolo. In un armadio che non era stato più aperto da vent'anni, così come l'appartamento in cui era custodito, il perito nominato dal Tribunale per chiarire una vicenda ereditaria si è imbattutto in un teschio. Nè pelle nè ossa: dunque i resti di un omicidio? Un furto a scopo di studio di qualche studente di Medicina dell'epoca? Un omicidio mai risolto o più banalmente un caso di necrofilia?
La risposta ora tocca a Medicina Legale. 

Macabra scoperta per gli eredi di un appartamento di Via Piave i quali hanno trovato un teschio umano all??interno di un armadio della camera da letto di un immobile dove si erano recati unitamente al CTU nominato dal Tribunale per la stima dell??appartamento e dei beni lì presenti.

I Carabinieri sul posto hanno rinvenuto quanto descritto nella richiesta di intervento. Avvolto in fogli del quotidiano  ??IL TEMPO? del marzo 1963 c'era un teschio scarnificato e priva della mandibola.
 Dai primi accertamenti  è possibile credere che il teschio fosse lì da prima del 1994: a partire da quell'anno l??immobile è rimasto disabitato per la morte del proprietario. "E' verosimile - dicono i carabinieri - che l??epoca della morte sia antecedente alla data di stampa del quotidiano dove era avvolto".
Difficile - al momento - risalire all??epoca della morte ed all??appartenenza in vita del teschio che è stato sottoposto a sequestro e affidato in custodia giudiziale all??Istituto di Medicina Legale degli Ospedali riuniti di Foggia per gli accertamenti di rito.